area riservata
ftp
profilo servizi documenti news contatti
via retrone 16, 36077
altavilla vicentina (VI)

come raggiungerci

tel +39 0444 27.61.95
fax +39 0444 27.76.27
posta@eassociati.com
 01/12/17
Niente sanzioni per la comunicazione dati fatture del 1 semestre 2017
Ieri la Camera ha approvato in via definitiva, con 284 voti favorevoli e 162 contrari, la questione di fiducia sul Ddl. di conversione, con modificazioni, del DL 148/2017 recante "disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili", che ora è legge.

Nell'ambito delle novità introdotte al Senato in sede di conversione si segnalano quelle riguardanti la comunicazione dei dati delle fatture, fra le quali, la non applicazione delle sanzioni amministrative per l'errata trasmissione dei dati per il primo semestre 2017 e l'introduzione della facoltà di presentare la citata comunicazione semestralmente e con un contenuto informativo ridotto.
 03/05/17
Detrazione Iva in tilt sui tempi con la registrazione delle fatture
L'articolo 2, comma 1, del Dl 50/2017, prevede che il diritto alla detrazione dell'Iva assolta sugli acquisti sorge al momento in cui l'imposta diviene esigibile ed è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all'anno in cui il diritto alla detrazione è sorto
ARCHIVIO
09/02/17 - Perchè lo spread è tornato a salire?
Si torna a parlare di spread. I tassi dei titoli di stato di Italia, Spagna e Francia aumentano rispetto a quelli della Germania - che anzi si riducono - in un clima politico che si fa sempre più rovente con l'avvicinarsi di importanti appuntamenti elettorali. In particolare, le dichiarazioni di Marine Le Pen in occasione dell'apertura della sua corsa alla presidenza hanno dato uno scossone ai mercati dei titoli sovrani. Che non sembrano aver particolarmente apprezzato le ipotesi di uscita della Francia dall'Unione Europea - e quindi dall'euro - e dalla Nato prospettate dalla candidata del Front National. Lo spread francese è sostanzialmente raddoppiato rispetto ai valori registrati nello scorso autunno.
E l'Italia paga il fatto di essere considerato l'anello debole. Il differenziale Btp-Bund ha toccato la quota dei 200 punti base, livello che non si registrava da circa tre anni. Rimaniamo osservati speciali, dunque, in un contesto che si conferma di incertezza per i conti pubblici, oggetto di continue trattative tra il governo e la Commissione europea.
Anche la Spagna ha accusato un rialzo dei tassi nelle ultime settimane, praticamente parallelo a quello italiano. Il paese, però, non sembrerebbe essere su un trend negativo, forse aiutato dai dati sulla crescita economica sopra la media europea. Si noti che è da metà giugno - ossia dal mese della Brexit e delle elezioni in Spagna - che lo spread italiano è più elevato di quello spagnolo.
In conclusione, i mercati scontano un clima di incertezza politica non indifferente, che spinge gli operatori a rifugiarsi in posizioni più sicure, come i Bund tedeschi, e ad alleggerirsi di attività più rischiose. Il risultato è il ritorno dello spread in salita.

La voce.info
 eassociati studio di consulenza professionale privacy | contatti